skip to content »

cocl.moskva-rynok.ru

Pelliccia sintetica online dating

Sulla lavagna c’erano parole ignote, senza manco una vocale, “strč prst skrz krk” o roba del genere (non ci credete?

pelliccia sintetica online dating-16

Tutti mi stavano guardando allibito, anche perch m’ero gi accesa la sigaretta (allora fumavo ancora le Chesterfield).Il lettorato di svedese era alle sette, e chiss perch mi presentai alle cinque.Senza bussare piombai dentro l’auletta, a testa bassa, bofonchiando un “bonasera” in svedese (“god afton”) e andandomi a sedere al mio solito banco.E la glottomania non conosce barriere di et, di posizione, di niente.Scoprimmo reciprocamente che eravamo due glottmani, e fu l’inizio di un’amicizia.Mi alzai, richiesi scusa, spensi la sigaretta sul muro e uscii fuori.

Come fu, come non fu, da quel giorno io e il tizio brutto con gli occhiali cominciammo a salutarci; e poi a scambiare qualche parola; e poi a raccontarci delle cose che avevano a che fare con le lingue. Io avevo ventidue o ventitr anni, e lui una quarantacinquina e passa. Ma piano piano scocc una scintilla che non ho la pretesa di far capire: la scintilla della glottomania.

Piano piano il cesto fu ritirato su, per poi ridiscendere con dentro i soldi del conto.

Mi ricordo di essermi fermato l a gustarmi tutta la scenetta, pensando che prima era una cosa molto comune, ma che ora non la si vedeva quasi pi.

Ora, per, devo dire chi fosse Pier Francesco Poli, come lo avessi conosciuto e perch andassi spesso a trovarlo.

Devo avvertire chi mi legga, che sta per entrare in una specie di mondo sconosciuto ai pi, fatto di poche persone strampalate. Pier Francesco Poli faceva, quando studiavo all’universit, il lettore di ceco e slovacco alla facolt di lettere.

C’, poco prima di arrivare, una stradina che gi nel nome ricorda il miagolio d’un gatto; si chiama Chemin de Meuwly.